PROGETTO TRANSFRONTALIERO ESMES

Pubblicato il 4 febbraio 2020 • Comunicati Stampa 91011 Alcamo TP, Italia

COMUNICATO STAMPA DEL  04  FEBBRAIO  2020

ALCAMO: PROGETTO TRANSFRONTALIERO ESMES

Si è svolto, nei giorni scorsi, presso la Cittadella dei Giovani, il primo incontro con i Dirigenti degli Istituti Comprensivi alcamesi: Navarra, Bagolino, Rocca, Montessori e la direzione didattica San Giovanni Bosco, nell’ambito del progetto “ESMES”, finanziato dal Programma di Cooperazione Transfrontaliera ENI CBC MED, 1^bando per progetti standard per le regioni che si affacciano sul Mediterraneo. Il Comune di Alcamo, destinatario di un contributo da parte dell’UE, è partner del Progetto finalizzato a promuovere uno sviluppo economico, sociale e territoriale giusto, equo e sostenibile, favorevole all'integrazione transfrontaliera e che valorizzi i territori e i valori dei paesi partecipanti.
Dichiara l’assessore ai servizi tecnici, Vittorio Ferro “in particolare, il progetto ESMES svolge interventi di riqualificazione energetica di edifici pubblici, rendendoli più efficienti dal punto di vista energetico e ottimizzando la produzione di energia rinnovabile. Gli interventi si concentreranno sugli edifici scolastici pubblici dei 5 paesi coinvolti: Italia, Spagna, Giordania, Libano, Tunisia e riguarderanno: A) Produzione di energia rinnovabile attraverso la progettazione intelligente e la costruzione di sistemi fotovoltaici. B) Misure di efficienza energetica al fine di ridurre i consumi. Siamo contenti di poter fruire di un finanziamento rivolte alle nostre scuole”.
Mentre dichiarano congiuntamente gli assessori alla Pubblica Istruzione Stefano Alessandra e alla Programmazione Europea, Lorella Di Giovanni  “tra i principali risultati attesi per il Comune di Alcamo è previsto un concorso tra le scuole denominato “Contest” volto a sensibilizzare i ragazzi ad adottare comportamenti energetici sostenibili e ridurre il consumo energetico delle scuole, attraverso il coinvolgimento del personale e degli studenti (Energy Team). Bisogna avviare procedure intelligenti di gestione dell'energia per ottimizzare i consumi, attraverso un piano di riabilitazione energetica che sia efficiente in termini di costi e innovazione”.
Gli “Energy team” scolastici saranno composti da un professore e tre ragazzi che avranno il compito di monitorare i consumi energetici e sensibilizzare gli studenti sulle migliori pratiche di risparmio energetico. Sarà installato un contatore che permetterà di monitorare i consumi energetici in tempo reale e sarà connesso ad una piattaforma online che raccoglie i dati di consumo.